Hai mai riflettuto sull’incidenza del costo del contributo CONAI?

Da Gennaio 2020, le tariffe Conai sono state aggiornate sia per quanto riguarda gli imballi in plastica che in carta.

 

Come è variato il contributo CONAI

Per quanto riguarda il contributo per gli imballi in plastica, ci sono state le seguenti modifiche:

1. Fascia A (imballaggi selezionabili e riciclabili da circuito commercio e industria): 150 €/t – resta invariato
2. Fascia B2 (altri imballaggi selezionabili e riciclabili da circuito domestico):da 263 €/t – diventa 436 €/t
3. Fascia C (imballaggi non selezionabili/riciclabili allo stato delle tecnologie attuali): da 369 €/t – diventa 546 €/t

E’ stato aggiornato anche il contributo Conai carta: da 20 €/t – diventa 35 €/t

Contributo conai PluriballIl pluriball, ad esempio, fa parte della CLASSE C, quindi il CONAI incide per 0.546 €/KG, che rappresenta su certi tipi di pluriball un supplemento di prezzo del 20/25 %.

Per ogni lavorazione occorre un tipo specifico di pluriball con caratteristiche di robustezza e leggerezza particolari, ma a volte conviene scegliere materiali pregiati con pesi più ridotti per abbattere il costo del contributo CONAI.

 

Ma quali sono i tipi di pluriball più usati?

1. Il pluriball antistrappo in materiale pesante a due strati: perfetto per traslochi e movimentazioni, quando il pluriball rimane a vista e non è protetto da un sovrimballo.

2. Il pluriball in coestruso leggero a 2 strati è molto sagomabile e si adatta meglio alla forma dell’oggetto proteggendo al meglio le spedizioni.

3. Il pluriball in coestruso a tre strati: pesa meno di quello antistrappo, ingombra meno, è più facile da sagomare e non lascia tracce sul prodotto, anche se questo è polveroso o unto.

4. Il pluriball accoppiato carta è un materiale protettivo estremamente robusto adatto per il trasporto di mobili e quadri o per costruire buste di grandi dimensioni

5. Il pluriball accoppiato con spugnetta Foam, ideale per proteggere le superfici più delicate.

6. Il pluriball con bolla grande (diametro 25 mm), che serve per una protezione di altissimo spessore e per garantire la massima protezione antiurto.

7. Il pluriball in coestuso a tre strati, in grammatura pesante per proteggere opere d’arte ed oggetti preziosi di grandi dimensioni.

8. Il pluriball in materiale antistatico conforme alle norme UNI ISO2878.

9. Il pluriball in coestruso a 10 strati, innovativo ed amico dell’ambiente, molto robusto e leggero.


Vuoi scoprire qual è il pluriball perfetto per le tue lavorazioni?

Chiedi all’ing. Ferraris, lo specialista dell’imballaggio! 

Per trovare la soluzione perfetta in base alla tua lavorazione e al minor costo,
contattami allo 011/27.35.591 o a mandami una mail a info@abimballaggio.com


 

Condividi con i tuoi colleghi e amici!