Un pluriball di qualità protegge bene i prodotti. Una buona bolla d’aria resiste alla pressione. Pluriball antistrappo per gli oggetti a vista, pluriball a tre strati per avvolgere gli oggetti delicati.

il tuo pluriball protegge davvero? Scoprilo!

Se il tuo pluriball è sbagliato, puoi imbatterti in spiacevoli inconvenienti:
1. merce rotta,
2. note di credito al cliente,
3. utilizzare tantissimo materiale in più rispetto ai tuoi effettivi bisogni (+ sprechi  + soldi + tempo impiegato) ecc..

La caratteristica più importante del pluriball è

LA BOLLA D’ARIA.Pluriball

Dunque, la prima cosa che tu devi valutare in un pluriball è la tenuta della bolla sotto peso.

Se vuoi capire se il pluriball che ti vendono, è un pluriball giusto o sbagliato, puoi fare una prova di tenuta della bolla sotto pressione.
Cosa succede se il tuo pluriball è mediocre, e gli metti sopra un peso?
Il peso dell’oggetto che poggia sul pluriball grava sulla bolla e la fa sgonfiare.
Se il pluriball si sgonfia,
 non è più un politene a bolle d’aria.

È un politene sgonfiato.

Come fai a capire se il tuo pluriball è valido o no?

C’è trucco molto semplice, ogni tanto la facciamo come test per verificare nuovi fornitori per qualche pluriball particolare o per degli accoppiati.

1.Con le forbici tagliamo una serie di fogli di pluriball (normalmente noi ne facciamo 20). Li poggiamo sul formato di una scatola,

2. le mettiamo una sull’altra

3. Segniamo con un pennarello un segno sulla scatola uguale allo spessore di fogli di pluriball

4. andiamo a mettere sopra ai fogli di pluriball un peso di 5/10 kg.

5. li lasciamo lì una decina di giorni

6. verifichiamo cosa è successo al pluriball.

Con il pennarello avevamo segnato l’altezza originaria nel pluriball prima di essere sottoposto al peso.

Se in questi 10 giorni notiamo che il pluriball si è sgonfiato, quindi è diminuito di spessore (lo noti dal segno che abbiamo fatto sulla scatola), vuol dire che il pluriball è un po’ scadente.

Se invece si sgonfia molto poco, vuol dire che il pluriball è buono e che la tenuta della bolla è apprezzabile.

Come si fa avere una buona tenuta della bolla?

Quando è nato il pluriball, per ottenere una buona tenuta d’aria si lavorava sullo spessore del film.

C’erano dei pluriball che potevano pesare 150 o dirittura 200 grammi al metro quadro.

Poi pian pianino, la tecnica è migliorata. Anche utilizzando un normale film in politene, si può ottenere una buona tenuta della bolla con delle grammature intorno ai 100 grammi al metro quadro (la metà di quello che si usava 30 anni fa).

C’è un altro sistema per ottenere una grande tenuta della bolla.

È quello di usare un materiale diverso dal politene.

Sono il pluriball realizzati in coestruso in cui uno degli strati di costruzione è un

materiale impermeabile all’aria.

Può essere un materiale della famiglia del nylon.

Possono essere impiegati anche nei supermercati per fare i prodotti in atmosfera controllata dove bisogna evitare un passaggio di gas da una parte all’altra di quel determinato strato.

Tutto ciò permette di ottenere con un pluriball molto più leggero (ad es. 35 mt quadri)

1. una buona tenuta della bolla al passaggio dell’aria,

2.una buona resistenza allo sgonfiamento, uguale a quella di un pluriball di 100 grammi al metro quadro.

La caratteristica fondamentale del pluriball è dunque la tenuta della bolla.

Possiamo ora esaminare le varie caratteristiche che permettono di scegliere fra i vari tipi di pluriball.

Abbiamo la possibilità di proporre decine e decine di pluriball diversi per:

  • grammatura
  • accoppiature (ad es. accoppiato con la carta con altri materiali)
  • o con tanti altri materiali che studiamo e che, a volte quando abbiamo un cliente con delle esigenze particolari, andiamo a proporgli.

LE CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DEL PLURIBALL

1. L’antistrappo.

Il problema del pluriball in bassa grammatura è che tende a strapparsi abbastanza facilmente se incontra una punta o qualche oggetto duro e rigido.

2. La conformabilità.

Se usiamo un pluriball leggero, lo possiamo sagomare molto bene intorno ad un oggetto.

Lo possiamo sagomare molto meglio rispetto al pluriball antistrappo con grammatura pesante.

La prima cosa che facciamo quando abbiamo il pluriball leggero, lo proponiamo a tre strati; mettiamo la bolla in mezzo a due strati lisci, in maniera che la bolla rimane protetta fra i due strati.

In questo modo si evita che una punta, un angolo o qualche cosa possano strappare la bolla o bucarla.

3. Il peso della bobina.

Ci sono dei clienti che mi dicono: “ Che bello, la tua bobina in coestruso è molto più leggera e quindi è anche molto più comoda da portare in giro”.

Io ho sempre una battaglia con le traslocatori perché ci sono i traslocatori furbi e ci sono i traslocatori stupidi.

Quelli furbi capiscono che hanno bisogno di due tipi di pluriball:

1. Un pluriball pesante antistrappo per quando si avvolge i mobili o tutti quegli oggetti che rimangono a vista e che bisogna trasportare su e giù dalle scale.

Se si deve avvolgere un pianoforte, si deve usare un pluriball che sia estremamente robusto ed estremamente antistrappo.

2. Un pluriball conformabile per avvolgere gli oggetti delicati, come ad es. i bicchieri attorno i piatti, le ceramiche, i lampadari che poi vanno in uno scatolone, ecc..

Per cui la situazione ottimale per un trasloco è quella di avere due tipi di pluriball diversi.

Normalmente, il traslocatore dà al suo cliente finale il pluriball leggero e gli dice: “Imballa tu i tuoi oggetti che poi vanno nelle scatole”, e cura lui l’imballo sugli oggetti grossi che devono essere protetti con l’antistrappo.

Ho trovato un traslocatore, quelli che io definisco i traslocatori stupidi, che mi diceva: “ma io devo salire fino al quarto piano e devo portarmi su una bobina di pluriball che pesa 25 kg? No, non mi piace! Prendo la bobina in coestruso che pesa meno di 10 kg”.

Poi si è ritrovato ad avere graffi sui mobili che lui doveva portare e ha deciso, su mio consiglio, di andare in palestra per rinforzarsi.

Successivamente, ha rinunciato alla palestra perché, a portare su e giù il pluriball pesante, l’effetto e la fatica era uguale (se non maggiore) a quello che faceva in palestra.

4. Il prezzo

Il pluriball in coestruso è più leggero e quindi costa meno.

Costa meno al metro quadro:

  1. di CONAI,
  2. all’ambiente a livello di inquinamento,

Quando hai un oggetto che viene messo in un:

  • sovraimballo,
  • scatolone,
  • cassone,
  • in una cassetta di plastica,
  • o qualunque altra cosa,

Il pluriball è protetto dagli strappi.

Non esitare,

scegli il pluriball conformabile Bollabì 3.

È la soluzione migliore,

sia per proteggere gli oggetti sovra imballati,

sia per risparmiare e non inquinare l’ambiente.

____________________________________________________________________________________________

Se vuoi maggiori dettagli,

chiama allo 011 273 55 91!

Sbrigati perché in questo momento ci sono delle promozioni di prova per il nostro bollabì 3!

chiama allo 011 273 55 91!

per scoprire qual è la promozione riservata per te

Condividi con i tuoi colleghi e amici!